Artist: CAMILLA BATTAGLIA     Album: TOMORROW-2MORE ROWS OF TOMORROWS     Label: Dodicilune     Code:

TOMORROW-2MORE ROWS OF TOMORROWS

  • TOMORROW-2MORE ROWS OF TOMORROWS

  • CAMILLA BATTAGLIA

  • 06 April 2016

  • No covers downloadable for Guests

No tracks downloadable for Guests

  • Total views : 2976

  • Today views : 1

  • Created on : 29 March 2016

  • Total songs : 10

  • Total comments : 0

  • From: Dodicilune

Press Release

Dal 6 aprile sarà in distribuzione in Italia e all’estero nel circuito IRD e nei migliori store digitali, “Tomorrow - 2 more rows of tomorrows”, nuovo lavoro discografico della cantante e compositrice Camilla Battaglia, prodotto da Gabriele Rampino per l’etichetta Dodicilune.

Il disco contiene nove brani inediti interamente composti dalla Battaglia (la musica di “Shaping Smiles” è di Andrea Lombardini mentre il testo di “My Tree” ha un inciso del poeta statunitense Galway Kinnell) e la cover di “The Blower's Daughter” del cantautore irlandese Damien Rice. La cantante - che suona anche kaosspad, percussioni e piano - è affiancata da Roberto Cecchetto (chitarra), Andrea Lombardini (basso elettrico), Bernardo Guerra (batteria), Nicolò Ricci (sax tenore), Federico Pierantoni (trombone), David Binney (alto sax).

Il progetto “Tomorrow” è caratterizzato da una scelta sonora che risponde contemporaneamente alla volontà di suonare “l’attuale” - lasciandosi influenzare dalle diverse contaminazioni che hanno investito il linguaggio jazz - e di non snaturare la matrice geografica di appartenenza che riporta direttamente ai suoni della corrente europea. Alcune delle composizioni sono nate come brani strumentali sui quali sono in seguito stati “disegnati” i testi per raccontare il percorso tracciato dalla musica. Altri brani, invece, sono nati come “songs” ovvero con l'intenzione primaria di raccontare una storia che solo dopo viene musicata. «La dimensione testuale è scaturita da un lavoro di ricerca e di sperimentazione delle diverse possibili forme con cui apporre testi alla musica», precisa la cantante. «Ho cominciato dalla forma poesia-immagine, influenzata da Norma Winstone, per passare attraverso l'autobiografico macroscopico tipico dei songwriter ma anche attraverso il messaggio parlato (come lo spoken talking dell'hip hop) coniugato all’ispirazione poetica di diversi autori come Galway Kinnell che viene citato in un’intera sezione della traccia “My Tree”. L’esperienza dell'interplay che si crea attraverso la scelta di assi dialogiche tra gli strumenti è stata un’altra primaria ispirazione», prosegue. La formazione è essenzialmente un trio (voce, basso, batteria) ma è ampliata da sax, trombone, chitarra e dall’utilizzo dei suoni dell’elettronica.

«Quando feci ascoltare i primi provini del progetto al musicista statunitense David Binney mi disse: “Vorrei immaginare questo album come un film in cui si possono fare cose che non possono essere reali”. Per questo nel disco ho deciso di alternare momenti di musica acustica e arrangiata tradizionalmente, pensata ovvero come musica da quintetto o sestetto senza strumento armonico, a momenti in cui abbiamo lavorato con overdubs in post-produzione e scelto suoni non esistenti in natura», precisa. Il suono della chitarra crea un unico impasto sonoro con il basso, pensato come orchestrazione perfetta nelle tracce più influenzate da un comune background rock e di songwriting. «La mia sensazione è stata che in questo modo la musica si potesse diramare in diverse direzioni e coprire un range sonoro che risponde sempre di più al nostro tempo», conclude.

Camilla Battaglia classe 1990, comincia a studiare pianoforte all'età di 7 anni e continua un percorso formativo nella musica con l'esperienza nella sezione di diversi cori come soprano leggero, con repertori di musica classica, da camera e successivamente swing. Nel 2010 registra il suo primo disco “Joyspring” con il trio di Renato Sellani (Luciano Milanese al contrabbasso e Stefano Bagnoli alla batteria) per l'etichetta Philology e lo stesso anno si classifica seconda al Premio Internazionale Massimo Urbani per Giovani Talenti del Jazz, partecipando al Viterbo jazz Festival con un quartetto a suo nome (Niccolò Cattaneo al pianoforte, Tito Mangialajo al contrabbasso e Paolo Zucchetti alla batteria) e Maurizio Urbani come ospite. Nel 2011 si classifica seconda al Premio Internazionale Chicco Bettinardi presso il Milestone di Piacenza e vince il premio come miglior interpretazione di un brano di Gianni Basso (“Miss Bo”) al Festival Jazz di Asti esibendosi con Dado Moroni, Riccardo Fioravanti e Alvin Queen. Nel 2012 vince il premio come Miglior Cantante al Festival Tuscia in Jazz e al Bucharest international Jazz Competition. Partecipa tra gli altri al festival a Umbria Jazz nel 2012 (Donatello D'attoma Quartet) e nel 2013 (Camilla Battaglia Quartet), Ah-Um jazz Festival di Milano, Iseo Jazz, Asti Jazz, Bologna Jazz, Vicenza Jazz, Siracusa Jazz,London Jazz, Clusone Jazz, Taormina jazz e altri sia in qualità di leader che di sideman (Tommaso Cappellato Astral Travel, Donatello D'Attoma Band, Orchestra Nazionale Giovani Talenti del Jazz, Siena Jazz Band). Si è inoltre esibita nel 2012 con l'Orchestra Della Sardegna come cantante solista al Teatro Politeama di Sassari; come sezione soprani e solista della Siena Jazz Orchestra e dell'Orchestra Nazionale Giovani Talenti del Jazz Italiano condotta da Paolo Damiani (Iseo Jazz, Umbria Jazz, Ambasciata Italiana a Bruxelles, Piccolo Teatro di Milano, Premio Tenco) e nel 2013 è stata invitata a cantare con l'Orchestra Dei civici Corsi di jazz diretta dal Maestro Enrico Intra per Italian Jazz Graffiti al Piccolo Teatro di Milano. Laureanda presso la Siena Jazz University, dove ha studiato canto jazz con Diana Torto, ha partecipato nel 2013 ad uno scambio con il Conservatorio di Parigi durante il quale si è esibita con un sestetto guidato da Achille Succi e successivamente è stata selezionata  per partecipare ad un programma di cinque mesi di Erasmus al Conservatorio di Rotterdam (esibendosi al De Doelen e al Lantaren Venster) nel 2015. Il percorso svolto all'interno dell'accademia l'ha spinta a cimentarsi nella composizione e nell'arrangiamento oltre che alla ricerca timbrica e di contaminazione del suono e del linguaggio jazz. Ha partecipato ai seminari estivi di Siena Jazz nel 2013 e 2015 avendo la possibilità di lavorare e collaborare con Lionel Loueke, Jason Lindner, John Taylor, Marco Tamburini, Becca Stevens, Ben Wendel, Gerald Clayton, Matt Brewer and David Binney con il quale ha successivamente collaborato su una traccia come sideman nel suo prossimo disco “Avenija” oltre ad aver avuto l'onore di scriverlo nella line-up (oltre che essere stata guidata dallo stesso nella produzione) nel suo primo disco da leader-compositore in uscita nel 2016 con Dodicilune. Ha inoltre registrato nel disco ONJGT-Orchestra Nazionale dei Giovani  Talenti del Jazz Italiano-Ma che Ci fanno le Foglie negli Armadi come sezione soprani e solista, uscito nel 2015 per Camilla Records e nell'album dedicato a Billie Holiday uscito nel 2015 per Dodicilune (Gianluca Di Ienno pianoforte, Alessandro Rossi batteria).

L’etichetta salentina Dodicilune è attiva dal 1996. Dispone di un catalogo di quasi 200 produzioni di artisti italiani e stranieri, ed è distribuita in Italia e all'estero da IRD presso 400 punti vendita tra negozi di dischi, Feltrinelli, Fnac, Ricordi, Messaggerie, Melbookstore. I dischi Dodicilune possono essere acquistati anche online (Amazon, Ibs, LaFeltrinelli, Jazzos) o scaricati in formato liquido su 56 tra le maggiori piattaforme del mondo (iTunes, Napster, Fnacmusic, Virginmega, Deezer, eMusic, RossoAlice, LastFm, Amazon, etc). 

Track List

1 - Do U No? (testo e musica Camilla Battaglia)
2 - Tomorrow-2more Rows Of Tomorrows (testo e musica Camilla Battaglia)
3 - Shaping Smiles (testo Camilla Battaglia - musica Andrea Lombardini)  
4 - Chance (testo e musica Camilla Battaglia)
5 - Last Time (testo e musica Camilla Battaglia)
6 - They're Running Upstairs (testo e musica Camilla Battaglia)
7 - The Blower's Daughter (testo e musica Damien Rice)
8 - Expectations (testo e musica Camilla Battaglia)
9 - Waitin'(testo e musica Camilla Battaglia)
10 - My Tree (testo Camilla Battaglia/Galway Kinnell - musica Camilla Battaglia)

Personnel

Camilla Battaglia - voce, kaosspad, percussioni (9), piano (10)
David Binney - sax alto, voci (8)
Nicolò Ricci -  sax tenor
Federico Pierantoni - trombone
Roberto Cecchetto - chitarra electrica
Andrea Lombardini - basso elettrico, electronics
Bernardo Guerra - batteria

Recording Data

Prodotto da Gabriele Rampino per Dodicilune
Label manager Maurizio Bizzochetti
Registrato tra il 21 e il 23 novembre 2015 all’IndieHub Recording Studio di Milano
Mixato e marsterizzato nel gennaio 2016 all’IndieHub Recording Studio di Milano
Sound engineer Gabriele Simoni   
Foto: Athanasios Alexo
Contatti: camilla.battaglia8@gmail.com

More Albums From Dodicilune