Artist: Simone Graziano     Album: Snailspace     Label: Auand     Code: AU9073

Snailspace

  • Snailspace

  • Simone Graziano

  • 28 June 2017

  • AU9073

  • Jazzos, Auand

  • No covers downloadable for Guests

No tracks downloadable for Guests

  • Total views : 420

  • Today views : 3

  • Created on : 28 June 2017

  • Total songs : 9

  • Total comments : 0

  • From: Auand

Press Release

“Snailspace”
è il nuovo album di Simone Graziano

In uscita il 22 settembre per Auand, il nuovo lavoro del pianista fiorentino, con Francesco Ponticelli e Tommy Crane

Link al video https://youtu.be/1S3gXb8CIQI


Esce il 22 settembre per Auand, il nuovo album del pianista Simone Graziano, dal titolo “Snailspace”. Ad accompagnare Simone Graziano, qui al piano, synth e Fender Rhodes, in questo percorso alla riscoperta del valore del tempo, ci sono Francesco Ponticelli al contrabbasso e synth, e Tommy Crane, giovane rising star internazionale alla batteria. Impegnato attualmente dal vivo con “Frontal”, Graziano presenterà questo nuovo album in un tour a partire da febbraio 2018.

“Snailspace” è apologia della lentezza, intesa come forma di ribellione. La quarta fatica discografica di Simone Graziano deve il titolo a un racconto di Luis Sepúlveda, Storia di una lumaca che scoprì l’importanza della lentezza, in cui una lumaca di nome Ribelle, dopo essere stata cacciata dal suo gruppo, viaggia alla ricerca del significato della lentezza. In questo modo, scopre che proprio grazie al suo muoversi a un tempo diverso da tutti gli altri animali, riesce a vedere un mondo nascosto, più ricco e denso, solitario e silenzioso.

Scrittura iniziata nel 2015, “Snailspace” è un album dalla lunga gestazione. La lentezza - afferma Simone Graziano - non è riferita alla velocità dei brani, bensì al tempo necessario per crearli. La lumaca aderisce alla terra e, grazie alla lentezza dei suoi movimenti, ne scopre ogni dettaglio. Allo stesso modo, la lentezza creativa fa sì che la musica aderisca a noi stessi, svelandoci una parte che prima non conoscevamo.

Quella di Simone Graziano, è una scrittura ricca, capace di alternare il minimalismo alla complessità. Tutte le tracce di “Snailspace” godono di una struttura compositiva in continua evoluzione: tanto i cambiamenti progressivi, che richiamano la musica elettronica, quanto quelli più bruschi e senza preavviso, permettono di attraversare un ampio spettro di emozioni.

Tbilisi, incipit evocativo di “Snailspace”, è stata scritta nel conservatorio della capitale georgiana in una gelida notte di dicembre, su un pianoforte che aveva due note rotte (fa diesis e si), motivo per cui queste vengono ripetute in modo insistente. Dalla melodia elegiaca di Accident A, seconda traccia dell’album, si passa all’andamento ipnotico e a tratti isterico della successiva Accident R. Emicrania è un crescendo emotivo basato su delle cellule ossessive che pervadono tutto il brano, mentre Neri, dedicato all’infanzia, traghetta, come una nenia, verso l’immaginario onirico e rock di July 2015. Aleph 3, vero e proprio innesto di musica elettronica e jazz, sfocia in una lentissima ballad il cui elemento arcano e misterioso viene ripreso nella traccia successiva, Vignastein, dedicata all’eccentrica e poliedrica figura del critico musicale Giuseppe Vigna. Il congedo dall’ascoltatore si ha con Slowbye, concepito da Graziano e Ponticelli in un’afosa sera d’agosto, come un brano essenziale ed elettronico, in cui Ribelle non trova sicuramente una sosta ma una nuova consapevolezza.

In “Snailspace”, sono molteplici anche i rimandi alla letteratura: dal già citato Sepúlveda, all’universo immaginifico di Jorge Louis Borges rievocato con Aleph 3, passando per “Emicrania” di Oliver Sacks, in cui si indaga l’aspetto patologico e rituale del mal di testa cronico. “Snailspace” è un album ricco di suggestioni letterarie al punto da poter essere considerato esso stesso un racconto musicale racchiuso in uno spazio limitato o nell’attività onirica di una notte, ma capace di abbracciare tutto.

 

EN

"Snailspace”
by Simone Graziano


On September 22nd Auand Records will release the latest album by Italian pianist Simone Graziano, with Francesco Ponticelli and Tommy Crane

Simone Graziano is considered one of the most forward-thinking musicians in Italy. His latest project sees him performing on piano, synth and Fender Rhodes, joined by Francesco Ponticelli (double bass and synth) and New-York based drummer Tommy Crane. Simone Graziano is currently touring with Frontal and Purple Whales, and he will be touring to promote Snailspace starting in February 2018.

This fourth studio album by Graziano is an exploration of slowness as a form of rebellion and draws insipration from a story by Luis Sepúlveda, The Story of a Snail Who Discovered the Importance of Being Slow. The main character of this novel is a snail named Rebelde (Rebel) which is kicked out of its group and begins a personal odyssey to explore the meaning of slowness. In this way, the lone Rebelde discovers a hidden world, coming to terms with the importance of silence and slowness.

Simone Graziano started composing the music for “Snailspace” in 2015 and its long gestation is appropriate considering the subject matter. This slowness does not refer to the rhythm or tempo of the music – Graziano explains – but rather to the patient process of imagining and composing it. As a snail gradually moves forward, its direct contact with the surface reveals details that would not be apparent to other animals. In the same way, slowness in the creative process allows music to develop in an organic way, revealing things we may not have known.

Simone Graziano’s music is compositionally rich and varied, moving naturally between simplicity and complexity. Every single track of “Snailspace” evolves gradually in subtle ways, often making clever use of slight changes reminiscent electronic music, balanced by occasional rapid and violent transformations arriving without warning.


The first track is Tbilisi and it was written during a cold December night on a piano with two damaged keys (#F and B): as a result, these two notes are obsessively repeated during the track. From the elegiac melody of Accident A, the second track, “Snailspace” moves towards Accident R, both hypnotic and hysterical. Emicrania is an emotional crescendo based upon cells that permeate the whole track, while Neri is dedicated to childhood and, like a lullaby, leads to the dreamlike atmosphere of July 2015. Aleph 3, is a genuine graft between electronic music and jazz which morphs into its mysterious final segment, an arcane ballad linked to the next track: Vignastein, dedicated to encyclopedic Italian music critic, Giuseppe Vigna. The album closes with “Slowbye”, written by Graziano and Ponticelli on a muggy August night. With its spare, electronic melody, Rebelde doesn’t really seem to find an end or resting place, but rather a cyclical, renewing consciousness.

“Snailspace” is permeated with influences which reflect Graziano’s love of literature: the above-mentioned Sepúlveda, but also Jorge Louis Borges and his visionary tales in Aleph 3, and Oliver Sacks, who in “Migraine” examines the ritual aspect to recurrent headaches. But “Snailspace” can be considered itself as a tale in the language of music: a novel enclosed in a dream or a confined space, but at the same time able to embrace the vastity of human experience.

Track List

1 TBILISI (simone graziano)
2 ACCIDENT A (simone graziano)
3 ACCIDENT R (simone graziano)
4 EMICRANIA (simone graziano)
5 NERI (simone graziano)
6 JULY 2015 (simone graziano)
7 ALEPH 3 (simone graziano)
8 VIGNASTEIN (simone graziano)
9 SLOWBYE (simone graziano, francesco ponticelli)

Personnel

Simone Graziano piano, synth, fender rhodes
Francesco Ponticelli double bass, synth
Tommy Crane
drums

Recording Data

RECORDED AT ARTESUONO CAVALICCO (UD) ON (2-3 april 2017) BY (stefano amerio)
MIXED AND MASTERED AT PONTICHOUSE ON (12-13 june 2017) BY (francesco ponticelli)

PRODUCED BY: SIMONE GRAZIANO, VALERIA FANGAREGGI
EXECUTIVE PRODUCER: MARCO VALENTE
COVER PHOTO BY: CATERINA DI PERRI
INNER PHOTOS BY:  CATERINA DI PERRI

More Albums From Auand